Monza: dov'è finita la gomma morbida?

Monza: dov''è finita la gomma morbida?

La tappa WSBK di Monza sarà ricordata per diversi aspetti. Tra i vari, oltre a quello strettamente legato all'attapiramento di Max Biaggi e del team Aprilia per il fatto di essersene andati da Monza senza l'agognata doppietta, ce n'è uno legato ad un aspetto tecnico che lega il binomio Pirelli - Ducati Althea.

GOMME MORBIDE PER LA BOLOGNESE
Non è un segreto, infatti, che Carlos Checa e la sua 1098R abbiano trovato meglio di chiunque altro il feeling giusto con la mescola morbida messa a disposizione sin da inizio stagione dal gommista italiano.

Forse sono gli unici, anche grazie alle caratteristiche di erogazione del motore bicilindrico, a riuscirne a sfruttare a pieno il potenziale. Di fatto, anche in una pista come quella di Monza - dove la Ducati ha smesso di andare forte nel 2009 - il fatto di poter usare un certo tipo di gomma avrebbe potuto regalare un piccolo vantaggio allo spagnolo, che invece si è ritrovato a dover fare i conti con le gomme, oltre che con una moto in evidente debito d'ossigeno.

MA CHI DECIDE, IL GOMMISTA O GLI AVVERSARI?
Ma perchè, allora, non le ha usate? Semplicemente perchè Pirelli non le ha messe tra le opzioni per la corsa lombarda. Una fatto, ques'ultimo, che potrebbe sembrare apparentemente normale, non fosse che la scelta non è stata fatta in prima persona dal gommista che fornisce a tutti le Diablo Superbike: a suggerire a Pirelli il ritiro della morbida, infatti, è stata la delibera a maggioranza scaturita da una riunione di team nella quale è presumibile che Bevilacqua - proprietario del team Althea - abbia votato in modo negativo. La motivazione sarebbe da ricercare nel giudizio di "scarsa affidabilità della copertura" per la quale, ha tuonato il team manager della squadra leader nel mondiale, avrebbe dovuto decidere la Pirelli e non un vertice tra squadre.

UFFICIALI O NON UFFICIALI, ECCO IL PROBLEMA
Difficile capire chi ha ragione. Probabilmente, se fosse riuscito ad utilizzare la "sua morbida", Checa avrebbe ottenuto un paio di posizioni in più alla fine di ogni corsa e qualche punticino in più nel mondiale. Per come è andata pensiamo che Carlos sia riuscito a limitare magistralmente i danni in una pista in cui, morbida o non morbida, non avrebbe potuto recitare la parte del protagonista in alcun modo. Troppo veloci, le quattro cilindri, per recuperare in curva i decimi persi nella percorrenza dei rettifili. Quanto accaduto,però, ci suggerisce una considerazione: se al posto del team Althea ci fosse stata la Ducati Xerox di Tardozzi, gli altri team sarebbero in qualche modo riusciti a sfilare le gomme di dosso ad una 1098R in lotta per il mondiale? Noi una risposta ce l'abbiamo. Voi?

comments powered by Disqus

Altri commenti

motorbrain

stralcio di un comunicato Pirelli:
".....Purtroppo, delle due soluzioni posteriori proposte basandosi sui dati dello scorso anno, la gomma morbida (A) non era la più adatta a garantire le migliori prestazioni per l’intera gara, dal momento che le temperature dell’asfalto si sono attestate su circa 40-45°C....."

Stralcio dichiarazioni di Checa dopo gara:
"... In gara 1, ho dovuto spingere cosi’ tanto sul rettilineo che forse ho forzato un po’ la gomma e negli ultimi giri ho sofferto un calo delle prestazioni degli pneumatici che purtroppo non mi ha permesso di chiudere davanti a Camier. ...."

Caro Reparto Gessi, la gomma morbida non avrebbe dato nessun vantaggio alle Ducati.
Anche Checa nelle interviste pregara ha affermato che avevano fatto le prove con la morbida ma, sulla distanza gara, era venuto fuori qualche "problemino".......

Adesso vai a giocare fuori che ci sono i tombini aperti......

Motorbrain
..................

Inserito: 11 maggio 2011
Webmaster

La decisione appare francamente sconcertante, durata o non durata: non è la prima volta che un team sceglie pneumatici che non riescono poi a finire decentemente la gara, senza che nessuno glielo impedisca.

Anche Yamaha aveva scelto di correre con la morbida, fra l'altro.

Anche Steve Martin, telecronista per la TV australiana e Campione del Mondo Endurance oltre che ex pilota del Mondiale Superbike, ha cercato inutilmente di capire il perchè di una decisione così inusuale senza riuscirci.

Inserito: 11 maggio 2011
Nazzo

Concordo con Web... non è stata una mossa trasparente, per i modi e per la forma. Vedremo in futuro

Nazzo

Inserito: 11 maggio 2011
desmoluca76

Motorbrain, guarda ke i tombini aperti vanno bene anke x te x giocare.....semplicemente, ognuno doveva essere libero di poter usare la gomma ke più preferiva....ed ora cosa succederà??? A fine campionato spero di non dover contare sulla punta delle dita di una mano le volte in cui Checa avrà potuto usare le morbide....complimenti alla suprbike e al suo regolamento "perfetto e ineccepibile" .... :-O

Inserito: 11 maggio 2011
motorbrain

Allora facciamo due ipotesi:

La prima:
A Pirelli, viste le temperature dell'asfalto previste per le gare, in un circuito dove si raggiungono medie di oltre 200km/h, sarebbe molto dispiaciuto un ritorno negativo di immagine se i piloti con quel tipo di gomma avessero riscontrato "guai" molto seri!

Il fatto che nessun Team (ufficiale e non) abbia esposto pubblicamente dissenso per questa scelta e che qualcuno abbia avuto problemi anche con mescole più dure, ce la fa ritenere la più corretta. Ricordate? Regole per le sicurezza prima di tutto.........

Seconda ipotesi:
La tesi del complotto che l'autore vuole, malcelatamente, portare avanti.
Aprilia (Biaggi) si è lamentata del vantaggio di Ducati e Yamaha con le morbide e quindi Pirelli che sappiamo soffre di sudditanza per la casa di Noale, le ha tolte di mezzo. Ovviamente sappiamo tutti quanto il Campione del mondo sia amato e per questo motivo tutti i Team sono stati in silenzio tanto sapevano già che lo avrebbero penalizzato in gara!
Una teoria molto interessante, perchè no....

Ovviamente, in questo caso il fatto non è trasparente solo per chi non lo vuole vedere, però è strano come quando qulcuno provi a parlare di complotti in MotoGp, che di capitali ne muove parecchi di più, viene subito preso per matto.......

Adesso, vai a prendere farfalle sull'autostrada

Motorbrain
...................

Inserito: 11 maggio 2011
Anonymous

caro motobrain, il fatto che non sia arrivata alla fine la dura può significare anche che la gomma dura ha scivolato troppo per 3/4 gara e si è distrutta. Magari la morbida non sarebbe scivolata e consumata prematuramente

Inserito: 11 maggio 2011
motorbrain

Allora si fa finta di non capire!

La gomma morbida NON è stata ritirata per problemi di durata ma PER SICUREZZA. Avete rotto le palle per una riga bianca e non volete vedere una Trave.

Viste le temperature, se a fine gara le gomme di mescola "A" avessero avuto problemi di dechappamento, ad esempio alla Curva Grande con velocità elevatissime, vi immaginate le conseguenze di una caduta?

La Pirelli ha parlato con i Team i quali sono stati TUTTI d'accordo con la decisione presa.
Infatti, guarda caso, nessun Pilota e nessuna (o quasi) testata giornalistica, ha fatto commenti a riguardo.....

Quindi, CARO Anonimus di Milano, ti puoi unire alla compagnia e andare a giocare fuori con gli altri.....

motorbrain
..................

Inserito: 11 maggio 2011
Anonymous

Motorbrain, il problema di sicurezza, se mai c'era, era sulle quattro cilindri.

Sulla Ducati, evidentemente, tale problema non c'era visto che Bevilacqua si è infuriato per questa scelta.

Inserito: 11 maggio 2011
motorbrain

Beh, io in televisione non ho visto il Sig. Genesio infuriato, ne tantomeno si fa cenno della storia sul sito ufficiale del Team Althea Racing...
Dove hai preso la notizia Anonymus?

Se Pirelli ha deciso che il rischio c'era, vuol dire che c'era per tutti ed, in funzione della sicurezza (quella vera) si è deciso di procedere a eliminare il "problema".

Ma adesso mi sorge il dubbio che mi stiate tutti prendendo in giro! Che sciocco..... Sono vittima di Scherzi a Parte!!
Mi avete fregato......................

Certo era impossibile che non riusciste a capire la situazione. Bravi!

Motorbrain
..................

Inserito: 11 maggio 2011
Anonymous

è scritto in una intervista sulla gazzetta dello sport di lunedì scorso.

Inserito: 11 maggio 2011
TonyC

Probabilmente ci si riferisce a questo stralcio di articolo:

"Ma neanche Marco può festeggiare, perché sulla pista più difficile il capofila Carlos Checa, è affondato (9° e 10°), ma ha salvato un bel margine: Melandri ora è a -27 punti (erano 49), Biaggi a -28 (contro 43). Contenti? Niente affatto, perché pure Ducati ha polemizzato per il ritiro della copertura più soffice, giudicata non affidabile in una rovente riunione notturna tra le squadre. «Doveva decidere la Pirelli, non i nostri avversari», ha detto il proprietario del team, Genesio Bevilacqua. La Superbike va avanti sull' orlo di una crisi di nervi."

Inserito: 11 maggio 2011
motorbrain

A parte il fatto che io sul sito della gazzetta, non ho trovato l'articolo in questione (non dico che non ci sia è sicuramente un problema mio).

Ritengo, che se il "fattaccio" non sia stato evidenziato ne da Pirelli, ne da Ducati, ne da Althea Racing, ne da WorldSBK, ne su Yamaha-Racing e nemmeno da molte (tutte) delle più importanti testate motoristiche del web, oltre che su carta stampata, un motivo ci sarà!

Proviamo a rispiegare:
Pirelli ha ritenuto che l'usura dei pneumatici morbidi sul tracciato di Monza, ovviamente basandosi (come sempre viene fatto) su dati effettuati da tutte le case UFFICIALI partecipanti al mondiale SBK, fosse tale da compromettere la sicurezza dei piloti stessi, date le eccessive temperature e sollecitazioni del circuito.
Questi sono fatti, che io non trovo affatto complottistici.

Il Sig. Genesio dovrebbe arrabbiarsi con Ducati che non ha più voce in capitolo nelle decisioni che solo i Team Ufficiali possono prendere.
Ducati Corse si è ufficialmente ritirata, il fatto che segua in maniera ufficiale il Team Althea non gli da i diritti/doveri delle altre case che pagano fior di quattrini per l'iscrizione a titolo ufficiale, al campionato.

Considerazione finale:
Una gomma deve potere essere usata da tutti. Chi eventualmente, non arriva a fine gara si arrangia. Giusto.
Qui il problema è che quella particolare gomma oltre a non garantire la durata poteva essere pericolosa, e questo è un altro discorso. O no!

Era giusto dire "la gomma durante gli ultimi tre giri può esplodere, però la potete usare lo stesso, sono solo fatti vostri". Oppure era giusto eliminare il problema alla radice? Considerate anche l'immagine di Pirelli nel mondo.

Comunque, mi perdonerete ma, non alimenterò più questa discussione, sennò mi ritrovo a fare il gioco dell'autore e non ne ho (e avevo) nessuna voglia. Saluti

Motorbrain
...................

Inserito: 12 maggio 2011
Username
Password
Non sei registrato?
Registrati, è gratis!

Commento


Notizie al vetriolo


Articoli più letti

Articoli precedenti su MotoCorse.com

Yamaha Tech 3: Le Mans, gara di casa

Yamaha Tech 3: Le Mans, gara di casa
in Motomondiale

GP Le Mans, la guida

GP Le Mans, la guida
in Motomondiale

MiniGp: FMI sceglie il banco prova Dynojet

MiniGp: FMI sceglie il banco prova Dynojet
in Campionati e trofei nazionali